13 Lug 2020

Blog Post

Articoli Popolari

15.02.2012 Contador…Ulrich….ma basta! : Cominciamo con i Pallonari ma con i medici dell’antidoping mondiale e l’Agenzia delle Entrate! 

                                                                       Legnano, 15 Febbraio 2012.

Contador….Ulrich ma i P a l l o n a r i?………..

Jan Ulrich primo da sx qui con Gilberto Simoni
Jan Ulrich primo da sx qui con Gilberto Simoni

Pensa a casa tua!

Questa la risposta che ci viene data quando lamentiamo il fatto che, le sentenze che hanno colpito alcuni corridori per casi di doping, sono generate da controli medici che vengono effettuati solo a carico dei ciclisti.

Ma no, anche il mondo pallonaro subisce (?) controlli antidoping…..

Dove?

Quando?

Col controllo di chi?

Sono mai stati a casa di un pallonaro alle 6 del mattino per controllare qualcuno di questi signori?

Hanno mai obbligato un pallonaro a dichiarare dove va in determinate trance orarie?

Bene, questi ed altri controlli lesivi della dignità umana, sono quasi all’ordine del giorno per i ciclisti perciò, possiamo affermare senza possibilità di replica, che noi la nostra parte l’abbiamo già fatta, la stiamo facendo e la faremo ancora.

Ma anche gli altri, cio’è i pallonari, devono sottomettersi a queste regole.

Continuando di questo passo, sembra che i cattivi siano soli i corridori ciclisti ma, se andiamo a fondo in altri settori, pallonari per primi…..MAMMA MIA!!!!….

Quello che si stà facendo (giustamente) nei confronti del ciclismo, deve essere fatto anche in altri sport.

Non è giusto sanzionare un solo settore sportivo e permettere ad altri di farla franca.

E ma i pallonari danno tanto all’Erario……!

Fanno business!….

Ma chi l’ha detto! Visto che tanti club pallonari sono già falliti o stanno per farlo e poi, sono pronti a stendere la mano per chiedere soldi alle pubbliche Istituzioni.

E fermiamoci qui.

Perciò con l’affaire Contador e Ulrich, per favore, S I L E N Z I O!! invece, cominciamo ad aprire il libro dei pallonari, da dove vengono tutti quei milioni di euro, dove vanno, chi ne beneficia?

Ma una parola la vogliamo dire per questi due corridori.

Ci hanno insegnato che le sentenze debbono essere piuttosto veloci, non si possono attendere anni per l’emissione di una sentenza come è successo per Jan Ulrich, quasi come spesso succede in Italia dove, ed è già successo, le sentenze arrivano quando qualche Attore o Convenuto, nel frattempo è deceduto.

Alberto Contador
Alberto Contador

Qui invece stanno uccidendo il ciclismo!

E’ una teoria voluta?

Cosa significa squalificare Ulrich dopo quasi dieci anni dai fatti contestati?

Per Contador invece le cose si sono risolte con più velocità, solo…..18 mesi…..!

Ma in questo lasso di tempo si sono “truccati” (ma da parte di chi?…..forse non da parte di Contador!) i podi di troppe corse a tappe monumento.

Un commento piuttosto rapido il nostro ma, i motivi della nostra “ribellione”, sono sempre gli stessi e cio’è,  C H I E D I A M O :

 

Controlli per tutti gli sport con le stesse modalità usate per i ciclisti;

Velocità nell’emissione delle Sentenze, non si possono creare spiacevoli ripercussioni a catena con sentenze emesse dopo che il corridore che cade nel ruolo di “VITTIMA  DESIGNATA”

Ha gareggiato nei 5 Contenuti, vinto e convinto.

Basta col ciclismo sulla gogna!

Controlliamo anche gli ALTRI e poi ne vedremo delle belle e, forse, si finirà di parlare del ciclismo come l’unico sport dei drogati.

Cari signori, se quando vengono denunciate delle rapine si indaga sono in una direzione, è chiaro che qualcun altro, anche lui rapinatore, è lasciato in perfetta libertà di delinquere, tanto la colpa è sempre di quell’altro.

Ecco questo è ciò che capita nei confronti del ciclismo, grazie al metodo di indagini che “SALVA A PRIORI” altri sports.

 

                                                         Vito Bernardi